La strada più semplice per il successo in Italia.

Aggiornato 22/10/2016.
Il gladiatore nell'arena screenshot miniatura


La gloria non si conquista più in battaglia o affrontando tigri e leoni.

Nell’arena del Colosseo, qualsiasi schiavo che fosse sopravvissuto abbastanza a lungo, aveva la possibilità di ricevere gloria e ricchezza. Il pubblico non era mai solo spettatore, era parte dello spettacolo. Partecipava, giudicava e acclamava i gladiatori sopravvissuti alla battaglia.

Per noi italiani, chi sta in piedi su un palco, è ancora un gladiatore da acclamare. C’è solo una cosa che accomuna tutte le rappresentazioni teatrali in Italia, con gli spettacoli in un club vacanze in Polinesia, popolato da italiani, il lungo e ripeuto applauso finale.

Sia nel caso di spettacoli commerciali inguardabili, sia nel più piccolo e squallido teatro di avanguardia, magari con due soli attori con i postumi di una sbornia e che si sono inventati la regia e il testo durante la sbronza, alla fine c’è sempre una valanga incontenibile di applausi.

Nei villaggi turistici, qualsiasi idiozia ci proponga l’animatore di turno in astinenza prolungata da sonno, se riesce a trascinarsi sul palcoscenico o a scendere nell’arena, con noi italiani ha l’applauso garantito.

Non ci basta applaudire, dobbiamo fare parte dello spettacolo.

Alcune volte l’applauso finale è lo spettacolo. Ognuno ha il suo modo di applaudire e di interagire con gli altri. C’è chi sorride, cercando gli sguardi dei vicini, forse per sfidarli a chi applaude più forte. C’è chi arriva a fingere commozione. Alcuni fissano il loro eroe sul palco con un’espressione amorosa, tipo quella che ha un bastardino quando fissa il suo padrone.

Ho visto gente che dormiva e russava sguaiatamente, alzarsi all’improvviso, stile zombi, per spellarsi le mani applaudendo. Io stesso ho pregato come a Lourdes, solo per ottenere la grazia che lo spettacolo finisse anticipatamente. Non so cosa avrei pagato per un finto allarme antincendio. Più di una volta avrei voluto alzarmi e urlare, questo spettacolo è una boiata pazzesca, ma alla fine, come sempre non ho resistito, applausi, sorrisi e ancora applausi.

Magari ci siamo azzuffati con il vicino per il parcheggio, ma poi, con l’applauso, anche lui diventa nostro fratello. Per noi italiani l’applauso è il balsamo della vita, ci fa scaricare lo stress, riduce l’ansia, ci fa sentire uniti. Solo Ugo Fantozzi, dopo la visione della Corazzata Potëmkin, si è ribellato all’applauso finale, ma quello era un film!

È sì, per noi l’applauso è anche una liberazione, siamo gli unici che applaudiamo quando atterra l’aereo. Qualche straniero ha iniziato a copiarci ma poverini, non hanno la nostra teatralità, lo sguardo si perde nel vuoto, manca il ritmo, l’intensità, la tecnica, non riusciranno mai a raggiungere il nostro livello.

In Italia abbiamo migliaia di varietà di formaggio, migliaia di varietà di vino e migliaia di tipi di applauso.

Alcuni stili di applausi italiani:

  • L’applauso dell’evaso, quello con le mani davanti alla faccia, utile anche per chi è uscito con l’amante e non vuole farsi vedere.
  • L’applauso della vittoria, con le mani sopra la testa.
  • L’applauso più utilizzato dagli innamorati, quello romantico, con la testa inclinata a sinistra, le mani a sinistra all’altezza del cuore, gli occhi rivolti in alto a sinistra, il ritmo è lento e costante.
  • L’applauso del bullo, con i gomiti aperti, il movimento è ampio, lento e violento.
  • L’applauso ironico, ritmo velocissimo con le mani che si toccano appena.
  • L’applauso del missionario, gomiti stretti, mani in posizione di preghiera, perfettamente simmetriche e con le dita rivolte verso il cielo.
  • Ci sono migliaia di combinazioni possibili, ad esempio, l’applauso del missionario con le mani davanti alla faccia diventa l’applauso dell’ipocrita.

I nuovi palcoscenici, sempre più potenti.

La televisione è ancora il più grande palcoscenico italiano. Il grande fratello ha trasformato dei mezzi mentecatti in: politici, attori, opinionisti, imprenditori ecc. Un miracolo? No un palco.

Anche nei corsi di formazione, basta un palcoscenico e il meccanismo si ripete. Hai pagato per sentire delle banalità che girano in rete da secoli? Alla fine il 90% del corso erano marchette ad altri corsi, servizi o prodotti? Se ci fai applaudire, saremo felici di esserci fatti spennare come dei polli.

In privato, ci possiamo anche scatenare con le critiche, ma continuiamo ad applaudire sui social. Come vittime di un incantesimo, mettiamo like a qualsiasi idiozia proponga chiunque abbiamo visto su un palco.

Non è colpa di Facebook che non ci ha voluto dare il pollice rivolto verso il basso, ma la mancanza di un tasto “non mi piace” ha forse peggiorato la situazione.

Anche nel mondo digitale, se ci dai l’illusione che sei al centro dell’arena, noi ti sommergiamo di like. Puoi anche scrivere sul nulla, basta che crei un blog con il tuo nome e cognome o con un nome d’arte figo.

Poi magari, metti nel blog un po’ di belle foto di una vita meravigliosa, che forse non hai, fai un po’ di ragionamenti filosofici, oppure facci credere che puoi insegnarci a diventare ricchi o vincenti. Anche giocare a fare la rock star aiuta, ci ricorda il gladiatore nell’arena. Tu illudici, e noi faremo a gara a chi ti applaude di più.

Funziona anche se fai la vittima, se ti spalmi sulla spiaggia di un’isola deserta, con un po’ di dieta ferrea, ti potremmo scambiare con un gladiatore che lotta contro le forze della natura. Tutto è relativo, una volta si combattevano le tigri ora ci sono le zanzare. Poi, quando tornerai dall’isola, sarai un eroe.

I nuovi gladiatori.

Nella televisione prima, grazie ai Talk Show e ai Talent Show, e poi nel mondo digitale, sono riapparsi i “veri” gladiatori, i polemisti professionisti.

I gladiatori polemisti attaccano frontalmente chiunque sia minimamente famoso, se il malcapitato ci casca e risponde hanno già vinto. Le donne gladiatore sono le più pericolose, specialmente se supportate da belle foto, non hanno pietà per nessuno, famoso o no, se trovano un tuo punto debole ti massacrano.

I gladiatori polemisti hanno un esercito di fedeli applauditori e di aspiranti gladiatori, anche loro ferocissimi e assettati di visibilità. Come dei moderni Highlander, prendono forza dopo ogni battaglia vinta. È inutile per chiunque combatterli, ogni commento che li attacca, ogni critica, li rafforza. Sono invincibili, ma tutto sommato sono innocui, non attaccano mai chi è potente.

Per parlare di cose serie basta guardare i nostri politici, Montecitorio e il Senato hanno miracolosamente trasformato alcuni personaggi grotteschi, in giganteschi gladiatori incollati alle poltrone con i loro Smartphone da guerra. Non mi riferisco alle poltrone del senato, della camera o del parlamento europeo, li ci vanno il meno possibile, mi riferisco a quelle dei Talk show.

Hanno tutti i palcoscenici disponibili, da Facebook e Twitter, fino ai giornali e alle televisioni, e li usano tutti per bombardarci di slogan e lotte tra gladiatori.

© Riproduzione riservata.

Grazie
Enrico Filippucci
Enrico Filippucci.

Commenti

Scrivi il tuo commento

avatar
wpDiscuz