Condividi su: fb in

Sondaggio: la tassa al 26% sul risparmio degli italiani.

Rendite finanziarie: si poteva evitare di penalizzare i risparmiatori?

Questi sono i risultati parziali del sondaggio aggiornati il 14-Maggio-2014 fatto nel nostro gruppo Linkedin.

La tassazione sulle rendite finanziarie sarà portata al 26%, si poteva evitare di penalizzare i risparmiatori?

Risultati del sondaggio: Si poteva evitare di penalizzare i risparmiatori con una tassa regressiva?

Si capisce dai dati, nel grafico qui sopra, che in pochissimi, tra quelli che hanno risposto al piccolo sondaggio, credono che la tassa vada bene così, me compreso.

Tra l’altro, la scusa iniziale, per cui questo sacrificio era necessario per la riduzione del 10% dell’IRAP sulle aziende che pagano L’IRAP, non regge. La riduzione delle tasse corrisponde a una riduzione di solo l’1%, del totale delle tasse pagate da quelle aziende.

Due possibili soluzioni, emerse leggendo i dati del nostro piccolo sondaggio.

Per rendere meno dannosa per l’economia e progressiva la tassa sulle rendite finanziarie si potrebbe:

1) Lasciare la tassa al 20%, mentre si riduce dal 50% al 40% lo sconto IRPEF per le partecipazioni qualificate. Titoli di stato tassa invariata. Questa soluzione potrebbe essere la più votata, sommando chi dice chiaro che bisogna lasciarla al 20% e chi dice di cercare risorse altrove si arriverebbe a quasi il 50% delle risposte.

2) Tassare tutte le rendite Finanziarie come reddito IRPEF ma applicare a TUTTI i cittadini lo sconto IRPEF riservato alle partecipazioni qualificate (chi controlla le aziende). In questo modo ci sarebbe una tassazione IRPEF di tutte le rendite finanziarie, ma con uno sconto elevato prossimo al 50%. Questa è una tassa progressiva e equa. Anche nel sondaggio che abbiamo fatto, molto prima di scrivere questo post, è risultata la soluzione chiaramente preferita con oltre un terzo delle risposte.

A presto e grazie.


© Riproduzione riservata.
Gli argomenti dei blog e i tasti di condivisione li trovi a inizio pagina.

Grazie
Enrico Filippucci
Enrico Filippucci. Twitter logo in

Lascia un commento