Condividi su: fb in

Linkedin ha un problema che cerca di nascondere?

Qualcosa si è rotto dentro Linkedin?

Come vedremo, anche Microsoft, a Ottobre 2018, ha finalmente capito cosa deve migliorare dentro Linkedin. Tuttavia, i problemi arrivano da lontano. A febbraio 2016, Linkedin aveva diffuso la trimestrale del 4° Trimestre 2015. Nonostante avesse battuto le attese di profitto e fatturato, il prezzo dell’azione era crollato rovinosamente.

In quel momento i problemi di Linkedin erano probabilmente diventati evidenti anche agli azionisti di allora.

Gli utenti attivi di Linkedin crescono troppo lentamente.

Il valore percentuale di utenti attivi in un mese ha continuato a scendere, trimestre dopo trimestre. Questo significa che la percentuale di utenti inattivi cresce.

Comunque, il dato più importante è il numero assoluto di utenti attivi mensili.

Nella tabella successiva ho raggruppato alcuni dati delle trimestrali di Linkedin dal 2014 al 2016:

  1. Gli utenti attivi almeno una volta al mese, espressi in milioni.
  2. Il totale degli utenti di Linkedin, in milioni.
  3. La percentuale di utenti attivi almeno una volta al mese, rispetto al totale degli utenti.
  4. La crescita dei nuovi utenti, con la percentuale di nuovi utenti rispetto al trimestre precedente.

I dati nella tabella sono ricavati dalle trimestrali di Linkedin. Da quando Linkedin è stato acquisito da Microsoft non dichiara più i dettagli sugli utenti attivi ma rilascia, di tanto in tanto, qualche dato. Per questo gli ultimi dati sono incompleti.

 3°20144°20141°20152°20153°20154°20151°20162°20163°20161°20172°2018
Utenti totali332347364380396414433450467500575
Utenti attivi al mese90939797100100106106106??
% utenti attivi27.126.826.625.525.324.224.523.622.7??
% nuovi utenti6.14.54.94.44.24.54.63,923,77??

Cosa ci dice questa tabella:

  • Si vede chiaramente che la percentuale di utenti attivi di Linkedin ha continuato a diminuire costantemente, trimestre dopo trimestre. I dati rilasciati nel terzo trimestre 2016 danno solo il 22,7% di utenti attivi. Quasi l’80% degli utenti Linkedin non è andato più su Linkedin nemmeno una volta al mese. Gli utenti attivi in valore assoluto sono stati fermi a 106 milioni per tante trimestrali.
  • La crescita percentuale dei nuovi utenti, rispetto al trimestre precedente, ha continuato a diminuire.

Forse uno dei motivi, di questa stagnazione degli utenti attivi, è stata la perdita di molte funzionalità utili dei gruppi. Mentre i concorrenti, Google e Facebook in testa, hanno continuato a migliorare.

Confrontiamo gli utenti attivi, almeno una volta al mese, nei vari social network:

Questa era la situazione nel 2016.

  1. Facebook 1.790 milioni.
  2. YouTube oltre 1.000 milioni.
  3. Instagram circa 400 milioni
  4. Twitter circa 320 milioni.
  5. Linkedin 106 milioni.

Linkedin era sempre più indietro rispetto ai concorrenti come numero di utenti attivi in un mese.

Dopo due anni, la distanza di Linkedin dai primi potrebbe essere anche maggiore.

Secondo Statista, gli utenti attivi mensili, dei maggiori social network, a Settembre 2018 sono stati:

  1. Facebook 2.234 milioni.
  2. YouTube 1.900 milioni.
  3. WhatsApp 1.500 milioni.
  4. WeChat 1.058 milioni
  5. Instagram 1.000 milioni.
  6. Tencent QQ 803 milioni.
  7. QZone 548 milioni.
  8. Sina Weibo 431 milioni.
  9. Twitter 335 milioni.
  10. Reddit 330 milioni.
  11. Linkedin, le stime variano tra 260 milioni e 303 milioni.

Il CDA di Microsoft ha finalmente capito che Linkedin senza gli utenti attivi non ha futuro.

Nella comunicazione del Board of Director di Microsoft del 16 Ottobre 2018, a pagina 38, viene introdotta una nuova metrica, le sessioni Linkedin. Questa metrica influirà sui premi in azioni che andranno al CEO Nadella e altri top executive.

Le sessioni Linkedin sono definite come: il numero di volte che un membro visita Linkedin da mobile e da desktop, con intervalli di inattività di 30 minuti.

Da ora in avanti, nell’arco di tre anni, dal 2018 fino al 2020, il CDA vuole vedere un miglioramento degli utenti attivi su Linkedin. Se le metriche saranno soddisfatte al termine dei 3 anni, nel 2020 saranno pagati gli incentivi.

Piano incentivi Microsoft

Evidentemente, le mie critiche erano giuste. Questa decisione del CDA di Microsoft conferma che Linkedin, se non vuole essere schiacciato dai concorrenti, deve fare crescere il numero di utenti attivi. Io lo avevo capito e scritto già a Febbraio 2016, ora, a fine 2018, se ne sono accorti anche in Microsoft.

Spero solo che questa volta Linkedin non cerchi di aumentare i dati degli utenti attivi con trucchetti, fastidiosi e inutili. Aver capito il sintomo della malattia di Linkedin non significa averne capito la cura. Detto con una metafora: se la febbre di Linkedin sarà ridotta solo con bagni nel ghiaccio, il sintomo per un po’ sparirà ma poi tornerà peggio di prima.

I punti di forza che conserva Linkedin.

Linkedin sta mostrando agli investitori che il fatturato e gli utili sono in forte crescita. Quindi, anche con relativamente pochi utente attivi, non soffre per ora né con il fatturato né con gli utili.

Sembrerebbe molto positivo anche il numero di pagine visualizzate dai suoi utenti, con dati in forte crescita.

Il CEO Jeff Weiner, commentando i risultati nel 4 trimestre 2015, aveva dichiarato:

  • Il numero di pagine visitate è cresciuto del 26%, anno su anno.
  • Le pagine visualizzate, da utenti unici, sono cresciute del 17%, anno su anno.
  • Gli utenti unici sono cresciuti del 7%.

Ma allora perché a Febbraio 2016 ci fu un enorme crollo del valore dell’azione?

Forse, i numeri positivi di visite delle pagine erano diventati poco significativi.

Avevo notato strani cambiamenti nel funzionamento di Linkedin e li avevo commentati molto prima del crollo dell’azione a Febbraio:

  • Avevo notato che nei nuovi gruppi Linkedin per fare le stesse cose di prima, dovevo fare più click.
  • Le notifiche inutili aumentavano, prima c’erano quelle di Pulse, dopo ne spuntavano di nuovi tipi.
  • Sembrava che la scarsa attenzione di Linkedin nel proteggere gli utenti e i gruppi da alcuni tipi spam, fosse fatta per cercare di aumentare le visualizzazioni di pagina.
  • Che dire poi dei tentativi discutibili per attirare i 13enni su Linkedin.
  • In quel periodo, scorrendo fino in fondo un articolo di Pulse, Linkedin caricava automaticamente il post di Pulse successivo come nuova pagina. Con questo sistema, poteva succedere che contasse due articoli come letti, anche quando era stato letto solo il primo articolo.

Il mercato aveva forse recepito questo tipo di strategie come palliative, e non aveva gradito.

Dare l’impressione di cercare di offuscare il numero di utenti attivi, con i numeri delle visualizzazioni di pagina “forzati”, può portare più danni che benefici. Alcune di queste strategie rischiano di infastidire e allontanare gli iscritti.

La percentuale media degli utenti attivi al mese, non era stata nemmeno rilasciata da Linkedin trai i dati della quarta trimestrale del 2015. Questo potrebbe aver contribuito ad aumentare le ansie degli investitori.

Il futuro di Linkedin dipende da quanto sarà utile ai suoi utenti.

La domanda che molti si fanno è: a cosa serve Linkedin? La risposta più semplice sarebbe: serve a trovare lavoro. Tuttavia, credo che in pochi sarebbero d’accordo.

Dopo qualche mese dalla pubblicazione di questo articolo, Linkedin è stata acquisita da Microsoft. Purtroppo, dopo due anni, Linkedin non è in crisi solo nella quantità di utenti attivi. I dati mostrano che anche la soddisfazione dei suoi utenti è la più bassa nel suo settore. Linkedin nella classifica ha sempre la più bassa soddisfazione dei clienti statunitensi. Molte delle ultime modifiche introdotte da Linkedin sono giudicate da molti utenti come un peggioramento rispetto al passato.

Se non riuscirà a continuare a coinvolgere, proteggere e motivare i suoi utenti, i problemi si moltiplicheranno e si estenderanno ovunque. Gli utenti attivi rimarranno stagnanti e gli iscritti non saranno soddisfatti, la sua utilità e attrattività scenderà inesorabilmente.

Di sicuro Linkedin ha ormai quasi distrutto i gruppi e i risultati si vedono. I motivi di questa ostilità nei confronti dei gruppi provengono principalmente dall’attuale modello di business e in parte da necessità politiche. Però i numeri parlano chiaro, si è arrivati all’80% di utenti che non andava più su Linkedin nemmeno una volta la mese. Oggi Linkedin non fornisce più questi dati, o meglio, fornisce solo quelli che gli fanno comodo, ma credo che non sia migliorato molto.

A chi è utile Linkedin?

Alcuni sono arrivati alla conclusione che Linkedin non serva a niente. In effetti, per alcuni tipi di iscritti, Linkedin può essere solo un’ulteriore perdita di tempo. Invece, per la maggioranza dei professionisti e degli imprenditori Linkedin può essere utile professionalmente. Tuttavia, molti ritengono che l’investimento non valga i benefici che potrebbe portare, o semplicemente ritengo che sia meglio investire il loro tempo altrove. Come dargli torto, gli utenti di Linkedin sono sotto l’assedio dei professionisti dello spam, del clickbait e del guerrilla marketing.

Nonostante questi problemi, Linkedin è ancora un’azienda di successo, vedremo se ci riuscirà a risolverli. Questa crisi spero servirà a fare un po’ di pulizia e di chiarezza al suo interno, per poi poter tornare più forte di prima.


© Riproduzione riservata.
Gli argomenti dei blog e i tasti di condivisione li trovi a inizio pagina.

Grazie
Enrico Filippucci
Enrico Filippucci. Twitter logo in

8 commenti su “Linkedin ha un problema che cerca di nascondere?”

  1. Linkedin è usato da molti come un luogo dove abbordare. Basta vedere che alcuni utenti hanno caricato foto poco consone, come una donna che ha messo la propria foto in cui indossa un babydoll seduta sul marmo del lavandino di casa sua.
    A che pro????
    Per abbordare, non ci sono dubbi in merito.
    Segnalai la cosa, ma quelli dello staff mi dissero che non c’era niente di strano.
    Mah.

  2. “Forse il problema più grosso che ha Linkedin è che ormai solo il 22,7% dei suoi utenti lo utilizza almeno una volta al mese”.

    Un dato sicuramente preoccupante, che forse si spiega con l’attenzione sempre crescente di LinkedIn per il lato business, forse a scapito degli utenti “comuni” – e non è un caso che molti di questi ultimi si stiano rivolgendo ad altre piattaforme, tra cui ad esempio la startup spagnola beBee…

  3. Linkedin ha una piattaforma che andrebbe modernizzata e resa più agevole e accattivante. Inutile chiedere denaro per il profilo premium, che NON serve a nulla. La sua forza è, a mio avviso, nei gruppi. Trovare un gruppo attinente alle tua attività,o all’attività che più ti piace, e trovare altri tuoi simili con cui metterti in contatto, interagire, etc…..è un notevole pregio.
    Ma per esempio: in Italia, o meglio in italiano, mancano tanti gruppi. Magari perché non c’è interesse a svilupparli.

    Poi la grande delusione di tanti è che con Linkedin NON si trova o cambia lavoro…….

    • Difficile dire se Linkedin serva o non serva per trovare lavoro, dipende da come lo usi e da chi sei. Trovare lavoro in Italia è difficile in ogni caso, Linkedin non è una scorciatoia ma uno dei tanti strumenti.

  4. Buongiorno Enrico,
    al di là dei giusti dati economici che riporti, mi sento di aggiungere solo un tassello al tuo ragionamento: il dato relativo al numero totale di utenti, a differenza di quello degli altri player (Facebook, Instagram etc.), nel caso di Linkedin va interpretato e la chiave di questa interpretazione la troviamo nell’origine stessa di Linkedin.

    Linkedin, a differenza degli altri “contenitori”, è rivolto agli utenti professionisti: dicendo ciò, automaticamente escludiamo quella fetta di pubblico che ha senso di esistere nei sociali network solo per postare foto di gattini, improbabili ricette di torte all’asparago e pera spadona, foto dei nipoti.

    Va anche detto che in una qualche misura può risultare meno forte il fenomeno del “Questo filmato di anatroccoli lo ripubblico perché di sicuro piacerà a tutti”: proprio nel suo essere rivolto a professionisti, Linkedin è in grado di diventare estremamente specialistico nella gestione delle “cerchie” di contatti e nel far circolare le notizie.
    Ora che sto cambiando lavoro, mi accorgo che il mio profilo Linkedin è “impostato” su preferenze relative al mondo dell’elettronica di consumo: dovrò fare uno “step-back” e ri-orientare il tiro verso il mondo della meccanica.

    In buona sostanza: Linkedin non potrà mai arrivare allo stesso numero di utenti degli altri social network, perché la base di utenti è estremamente diversa e motivata alla partecipazione da stimoli diversi.

    Un saluto.

    • Grazie per il commento Alessandro, da utente sono d’accordo con te.

      Il problema è che gli investitori ragionano diversamente, per giustificare le valutazioni stratosferiche che aveva raggiunto, Linkedin non poteva continuare a sprofondare nella classifica dei social network basata sul numero assoluto di utenti attivi.

      Il management ha cercato di coprire il problema prima con modifiche fastidiose del funzionamento di Linkedin, poi nascondendo i dati nell’ultima trimestrale.

      • Esatto Enrico.
        Prendiamo come esempio un altro social network che potremmo considerare quasi al pari di LinkedIn come tipologia di utenza: Twitter. Tempo fa avevo già commentato in merito, condividendo un video di Marco Montemagno che faceva il punto sui social network e sul futuro dei siti internet.

        Questa settimana è uscita la notizia che la crisi di Twitter porterà alla chiusura delle sede di Milano.

Lascia un commento