Sondaggio COLDIRETTI-Ixè, lavoro e mobilità dei giovani.

Condividi su: fb in

Solo il 64% dei giovani è disposto a cambiare città, ma il 51% è disposto ad espatriare.

Quello che mi colpisce, nel sondaggio Coldiretti-Ixè del 2014, è che chi è disposto a trasferirsi lo farebbe per lasciare l’Italia più che per cambiare città in Italia. Infatti, i giovani italiani che volevano espatriare nel 2014 erano il 51%.

La mobilità in Italia è bassa, nel 2014 solo il 64% era disposto a cambiare città.

Questo 36% di giovani Italiani che non vuole nemmeno cambiare città per trovare un lavoro, se lo possono davvero permettere?

I motivi per cui il 51% dei giovani intervistati nel 2014 voleva lasciare l’Italia:

  • Secondo il sondaggio, il motivo principale che spinge i giovani ad emigrare è la convinzione che l’Italia sia un paese fermo in cui non si prendono mai decisioni. La pensa così il il 19% dei giovani intervistati.
  • Il 18% dei giovani dichiarava di voler emigrare a causa delle tasse troppo alte in Italia.
  • Il 17% è spinto dalla convinzione che in Italia non si trova lavoro.
  • Un altro 17% vuole espatriare per la mancanza di meritocrazia in Italia.

Il 27% dei giovani, pensava che l’Italia possa offrire un futuro per loro.

Questi giovani che vogliono restare in Italia, cosa li convince a restare? Credono ancora nel valore del Made in Italy, nelle loro capacità di mettere a frutto le competenze, nonostante tutti i problemi. Credono nella creatività, nelle risorse ambientali e culturali dell’Italia. Oppure molti fanno parte di quella “élite” che in Italia riesce a garantire a parenti e amici lavoro e favori? Questo non è dato saperlo.

Però, il 36% dei giovani italiani che non è disposto nemmeno a cambiare città, mi lascia un po’ perplesso.

Ho inserito questo post nel nostro gruppo professionale e ci sono stati 86 commenti.

Molti giovani dicevano che senza lavoro era difficile anche spostarsi. La colpa, secondo loro, è di chi non assume persone di altre città.

Le risposte che sono state date dai giovani a questo post, nel nostro gruppo Job Seeker Italia su Linkedin, le trovate qui in questa discussione del gruppo.

Chissà qual è la situazione oggi? Non credo sia cambiata molto, forse è addirittura peggiorata.


© Riproduzione riservata.
Gli argomenti dei blog e i tasti di condivisione li trovi a inizio pagina.

Grazie
Enrico Filippucci
Enrico Filippucci. Twitter logo in

Lascia un commento